Spedizione gratuita per ordini superiori a € 500

Complimentary Blessing

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

How to grow in humility and honesty

Come essere umili e onesti

L'umiltà e l'onestà sono due grandi valori cristiani predicati da Gesù Cristo ai suoi discepoli e a dodici apostoli. Entrambe le parole derivano dal latino: mentre Umiltà deriva da humus, che significa terra, Onestà deriva da probitas, che significa rettitudine, probità, e da honestas, che significa onore, reputazione, dignità, virtù, elevazione. Se ci riferiamo all'umiltà, probabilmente avrai sentito l'espressione “avere i piedi per terra”: questo è dovuto proprio alla sua etimologia.

Diamo un'occhiata più da vicino a queste due importanti virtù, da un punto di vista cattolico, e tre consigli per far crescere il tuo spirito tenendo conto di questi due valori cristiani.

Cos'è l'umiltà?

Umiltà significa essere in contatto con la realtà, essere adeguatamente orientati verso gli altri senza essere egoisti o altezzosi. Le persone umili sono quelle che sanno circondarsi di anime belle, che non lasciano mai nessuno da parte per nessun motivo. L'umiltà è molto importante nel nostro rapporto con gli altri; ci aiuta ad essere comprensivi, empatici e aperti al dialogo.

Cos'è l'onestà?

L'onestà è una grande virtù a cui tutti dovremmo aspirare. Essere onesti aiuta gli altri a fidarsi di noi, ad aprire i loro cuori, a costruire relazioni stabili e durature. Gesù è stato il più onesto tra gli onesti, non ha mai tradito i suoi ideali né i suoi discepoli. Fino alla fine rimase fedele a quelli che erano i piani di Dio onnipotente, seppur a costo della propria vita.

Consiglio numero 1: sii grato a Dio e al tuo prossimo

Qualunque cosa accada, soprattutto se qualcosa di bello e positivo, sii sempre grato a Dio e agli altri che potrebbero aver causato quel determinato fatto. Riconosci sempre i meriti a chi è la causa dei buoni eventi che attraversano la tua vita e non essere mai egocentrico. Imparerai sicuramente a saper riconoscere quanto l'aiuto di Dio e degli altri sia utile per la tua vita, per il tuo rapporto con il prossimo.
Se sbagli, sii in grado di riconoscerlo, di ammettere che non sei infallibile, perché sbagliare appartiene all'uomo; solo Dio è perfetto. Sii capace di ammettere che non puoi sapere tutto, che non puoi eccellere in qualsiasi cosa, che c'è sempre molto da imparare, soprattutto da chi ne sa più di te.
Essere umile allo stesso tempo ti aiuterà a coltivare la tua onestà.

Consiglio numero 2: chiedi scusa

Rendersi conto di aver sbagliato è segno di grande maturità. Non solo è un atto che metterà in risalto la tua umiltà, ma ti renderà moralmente più onesto agli occhi degli altri. Ricordati sempre di chiedere perdono e comprensione alle persone che hai ferito o offeso. Noterai come cambierà il loro rapporto con te e il loro modo di parlarti. Le persone inizieranno a fidarsi di te, apprezzeranno il tuo spirito umile e la tua onestà intellettuale. Chiedi scusa, come fece Gesù sulla croce, chiedendo a Suo Padre di perdonare le persone che lo perseguitarono e lo condannarono. In quell'occasione disse: «Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno».

Consiglio numero 3: sii aperto ad ascoltare gli altri

Mettere gli altri al primo posto è un grande gesto di umiltà. Siamo tutti molto abituati e ben disposti a parlare di noi stessi, ma alcuni non sono molto disponibili all’ascolto. Rimarrai stupito di quanto sia utile e bello a volte ascoltare gli altri, i loro bisogni, le loro paure e i loro desideri. Proprio come Gesù ha posto la salvezza dell'umanità e il progetto di Dio prima di ogni cosa, così puoi fare tu nella vita di tutti i giorni. Sii umile e onesto, con te stesso e con gli altri soprattutto.

Se stai cercando un articolo religioso che possa ispirarti a essere una persona più umile e onesta, dai un'occhiata a questo ciondolo raffigurante la Croce del Buon Pastore, simbolo del papato di Papa Francesco. Per la sua forte fede e fiducia nei valori cristiani di umiltà, onestà e povertà, questo simbolo è stato scelto da Papa Francesco come emblema del suo pontificato.

Croce del Buon Pastore anche detta Croce Pastorale

ACQUISTA ORA>

Articoli correlati:
Come avvicinare un adolescente alla fede→
In che modo la fede ci aiuta a perdonare→
5 notevoli benefici della preghiera→

Articolo precedente
Articolo successiva