Il lato cristiano del Giorno del Ringraziamento: origini e come celebrarlo

Il Giorno del Ringraziamento è una festa cristiana anche se non è concepito nel calendario della Chiesa e viene celebrato solo in America. È un chiaro esempio di festa ecclesiale non universale, a differenza delle altre.
Questa festa americana ha una tradizione ben consolidata che prevede tacchino, purè di patate, torta di zucca, shopping e un fine settimana lungo di ben quattro giorni.
È affascinante come tutte queste cose non abbiano nulla a che vedere con l'evento originario che ha dato origine alla celebrazione annuale del quarto giovedì di novembre.
Ne eri a conoscenza?
Scopri le origini cristiane del Ringraziamento e come vivere questo speciale evento.

American Thanksgiving Dinner
Tipica cena americana del Giorno del Ringraziamento.

Origini cristiane del Giorno del Ringraziamento

Secondo la storia, i Padri Pellegrini, che all'epoca erano solo dei puritani, vennero a Plymouth (Massachusetts) per la libertà religiosa a bordo di una nave chiamata Mayflower. Una volta arrivati ​​nella nuova terra, diedero vita a una grande festa insieme agli indiani: questo è stato il primissimo Ringraziamento.
Questa festa ebbe origine nel 1621, quando il governatore Bradford della colonia di Plymouth stabilì un giorno per la lode pubblica e la preghiera dopo il primo raccolto. Successivamente, l’usanza si diffuse in tutte le altre colonie del New England.
La prima vera celebrazione nazionale avvenne quando il presidente Washington, nel 1789, raccomandò giovedì 26 novembre al popolo degli Stati Uniti "come un giorno di ringraziamento pubblico e di preghiera da osservare, riconoscendo con cuore grato i numerosi e significativi doni di Dio Onnipotente" .

Ma in che modo i cristiani possono celebrare il Ringraziamento, in maniera religiosa?
Scopri i nostri 5 consigli religiosi per vivere il Ringraziamento.

Come celebrare il Ringraziamento da buon cristiano

1. Ricorda quale fu il primo vero Ringraziamento

Ringraziamento significa universalmente famiglia, generosità e gratitudine.
La stessa parola Eucaristia significa “rendere grazie” ed è il momento più importante della Messa, in cui uomini e donne ricevono il Corpo di Cristo.
In questo modo, molto prima che i Pellegrini si arrivassero in America e spezzassero il pane con gli abitanti nativi del New England, Gesù Cristo, il nostro Salvatore, celebrò il "Primo Ringraziamento in assoluto" con il Suo stesso corpo e sangue, donato all'umanità per la nostra Salvezza.
Ricorda sempre che ogni volta che celebriamo la Santa Messa, fondamentalmente stiamo ringraziando Dio per tutte le Sue benedizioni e il suo amore incondizionato per noi.

2. Vai a messa e celebra Dio

Sappiamo che sei molto legato alle tradizioni.
Ma ricorda sempre che nessuna porzione di tacchino o torta di zucca sarà un gesto di ringraziamento tanto buono come la Celebrazione Eucaristica.
Forse molte persone preferirebbero restare a casa e celebrare questa Festa con la famiglia e gli amici, ma andare a Messa, soprattutto la mattina presto, potrebbe essere un modo diverso per iniziare la giornata. Inoltre, se ti rechi in chiesa la mattina, avrai l'intera giornata da poter trascorrere insieme alla tua famiglia e mantenere vive le tradizioni.
Andare a Messa non cancellerà le tue tradizioni familiari annuali legate al Ringraziamento.
Piuttosto celebrerai l'amore infinito di Dio.

3. Sii generoso/a con le persone bisognose

Il Ringraziamento è un'occasione molto bella per trascorrere del tempo con la nostra famiglia, mangiare prelibatezze e godere di meritato riposo dal lavoro.
Pensi mai a tutte quelle persone che non sono così fortunate da avere una famiglia intorno per festeggiare con questo giorno di festa?
Ci sono migliaia di senzatetto nel mondo, persone povere che non hanno una casa calda e accogliente o famiglie con cui condividere questo momento.
Nel rispetto di una delle virtù cristiane più peculiari che è la Carità, dedica una parte di questa Festa alle persone meno fortunate che hanno bisogno di un piccolo aiuto.
Se per qualsiasi motivo non puoi recarti a prestare assistenza, tuttavia c'è un'altra cosa molto semplice che puoi sempre fare per loro, che è pregare.
Vedrai come ti farà sentire meglio!
Se di solito usi il rosario per le tue preghiere, puoi dedicare alcuni dei grani del tuo rosario ai poveri bisognosi.

Questi rosari in palissandro e perline di cristallo richiamano i colori tipici del Ringraziamento e della stagione autunnale in America, che sono appunto il marrone e l'arancione.
Usali per le tue generose preghiere o regalali a un cattolico bisognoso.


Rosario in legno di palissandro e argento
Rosario in legno di palissandro e rilegatura in argento 925
ACQUISTA ORA>

Rosario di cristallo arancioni 
Rosario in cristallini arancioni e rilegatura in metallo
ACQUISTA ORA>

4. Sii grato/a e prega

Come potresti sentirti il giorno del Ringraziamento, se non grato/a?
Pensa a tutte le cose belle che hai nella vita, a tutti i tuoi successi personali, alle tue fortune, ai tuoi obiettivi di lavoro e alla famiglia che tanto ami.
Sii sempre grato/a per tutto questo, perché molte persone non hanno la tua stessa fortuna.
Esprimi la tua gratitudine a Dio, colui che ci ha donato la vita, un riparo, gli abiti, il cibo, la famiglia e la salute, attraverso la preghiera, specialmente prima del pasto del Ringraziamento.
Per dimostrare la tua gratitudine, puoi recitare queste brevi preghiere prima e dopo i pasti.

  • Preghiera prima del pasto:

[Segno della Croce]

Benedici noi, o Signore, questi tuoi doni, che stiamo per ricevere dalla tua munificenza.
Per Cristo, nostro Signore.
Amen.

  • Preghiera dopo il pasto:

[Segno della Croce]
Ti rendiamo grazie, Dio onnipotente, per tutti i tuoi doni,
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
Amen.

[Segno della Croce]

5. Celebra la tua libertà di credo religioso

I pellegrini che arrivavano in America erano puritani, in fuga dalla propria città natale per via della persecuzione religiosa in Europa.
Al giorno d'oggi, molti cattolici nel mondo devono ancora combattere con il fanatismo e l'esclusione o sono perseguitati per le loro credenze religiose.
Ricorda sempre quanto sei fortunato/a a vivere la tua fede nel tuo paese e celebrare ogni giorno l'amore infinito di Dio.
Celebra la libertà religiosa che il tuo Paese garantisce ad ogni figlio di Dio e prega il Signore chiedendogli di concedere questa grazia a tutte le persone del mondo.

 

Articoli correlati:

Come pregare per gli altri può aiutarci a stare meglio→
5 notevoli benefici della preghiera→