Storia e Tradizioni dei Re Magi

Nel mondo cristiano, i Re Magi sono dei saggi astrologi che seguendo la Stella Cometa giunsero da Oriente per adorare il bambino Gesù, il re dei Giudei, portandogli preziosi doni.
Il loro arrivo presso la capanna della Natività viene dettagliatamente raccontato nel Vangelo di Matteo (2, 1-12). La parola Magi proviene dal persiano ma-gu-u-sha, sacerdote; passò poi al greco μάγος (casta di sacerdoti persiani e babilonesi) ed infine al latino magus
Scopriamo insieme la storia dei Re Magi, secondo quanto racconta il Vangelo.

Storia dei Re Magi

Giunti in Palestina, San Matteo racconta dell’arrivo dei Re Magi presso Erode, il re della Giudea romana, domandando dove fosse “il re che era nato”. Non essendo a conoscenza della profezia dell’Antico Testamento (Michea 5,1) chiese agli scribi ed esortò i Re Magi a dirigersi verso Betlemme e di comunicargli dove trovarlo, in modo da poterlo adorare anche lui. 
Giunti presso la grotta della Natività, offrirono in dono a Gesù oro, incenso e mirra. In seguito ad un sogno che gli consigliò di non tornare da Erode, i Magi fecero ritorno nei loro territori prendendo un’altra strada. Scoperto l’inganno, Erode si infuriò e ordinò di uccidere tutti i bambini di Betlemme sotto i due anni, la famosa Strage degli Innocenti. Avvertito in sogno, Giuseppe fuggì con Maria e Gesù in Egitto (statuina dedicata in basso). 

 

holy-family-escaping-to-egypt

Chi erano i Re Magi

La prima raffigurazione dei tre Re Magi, Melchiorre, Gaspare e Baldassarre, risale al VI secolo, nella Basilica di Sant’Apollinare Nuovo (Ravenna, Italia). Nel XV secolo, per la prima volta Baldassarre viene rappresentato come uomo di colore, a rappresentazione del popolo africano. Gli altri due, infatti, rappresentavano il popolo asiatico, Gaspare, e quello europeo, Melchiorre.
La tradizione vuole che siano tre, ma questo numero è strettamente legato al numero dei doni ricevuti da Gesù. In realtà, non si è certi sul numero originale dei Magi, né sulla loro precisa provenienza. Nel Vangelo secondo Matteo, infatti, si accenna ad un generico “Oriente”, senza specificare il loro esatto luogo di origine.
Secondo una leggenda, i Re Magi erano quattro e non tre. Sembrerebbe che il quarto re Magio, partito insieme agli altri tre, avesse intenzione di portare in dono a Gesù una collana di perle. Lungo il suo viaggio, per carità, il quarto Magio regalava, uno dopo l’altra, le perle della sua collana ai poveri bisognosi e si ritrovò ben presto senza alcun dono da portare al bambino Gesù. Non volendo giungere a mani vuote, interruppe il suo viaggio e non giunse mai nella capanna della Natività. Tuttavia, per il suo grande gesto di carità, Gesù gli apparve in sogno, ringraziandolo della sua bontà. Regalare qualcosa di prezioso ad una persona bisognosa, equivale infatti a regalarlo a Gesù.

Tradizioni legate ai Re Magi 

Per celebrare l’arrivo dei Re Magi, in alcune parti del mondo, specialmente in Spagna, avviene la cosiddetta Cabalgata de Reyes. Il 5 gennaio si festeggia l’entrata dei Re Magi a Betlemme, in sella al loro cavallo o in cima ai carri allegorici che percorrono le principali vie della città. Insieme ai carri dei Magi, solitamente ci sono ulteriori carri a tema e persone travestite da personaggi dell’infanzia.

cabalgata-de-reyes-jerezCabalgata de Reyes, Jerez de la Frontera, Spain.

Durante la Cabalgata de Reyes, i Magi sono soliti lanciare dai loro carri caramelle, lecca lecca e regali quali peluche, palloni gonfiabili o piccoli gadget.
Secondo le tradizioni spagnole, i bambini ricevono i regali natalizi nel giorno dell’Epifania, poiché portati dai Re Magi e non da Babbo Natale. Altra tradizione, è che i bambini lascino le proprie scarpe vicino alla porta di casa o ad una finestra piene di dolci e caramelle. Se il bambino, o la bambina, si è comportato bene durante l’anno riceverà i regali richiesti, altrimenti troverà del carbone dolce.
È tipico, in Spagna, fare colazione il 6 gennaio con il Roscón de Reyes, un dolce tipico a forma di ciambella che nasconde al suo interno un fagiolo ed una statuina a forma di principe. Chi trova il fagiolo nella propria fetta di roscón, dovrà offrire ai propri familiari il roscón del prossimo anno.

roscon-de-reyesRoscón de Reyes

Se non disponi di un presepe con i Re Magi, puoi acquistare uno dei nostri articoli religiosi in resina.

nativity-scene-wise-men

SCOPRI ORA>

nativity-set-three-wise-men
SCOPRI ORA>

 

Articoli correlati:

Saint Nicholas and the True Story of Santa Claus→