Spedizione gratuita per ordini superiori a € 500

Complimentary Blessing

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

St. John Bosco: father and teacher of youth

Don Bosco: Padre e maestro dei giovani

Chi era San Giovanni Bosco?
Probabilmente avrete sentito parlare di lui tante volte, soprattutto nelle piccole comunità parrocchiali, spesso chiamate così in suo onore.
È sempre stato associato ai bambini, a causa della sua vita, costantemente a contatto con i giovani.
La sua festa è il 31 gennaio ed è considerato oggi il Santo Patrono di apprendisti, editori, scolari, maghi e giovani delinquenti.
Scopri di più su chi era Don Bosco, leggendo i paragrafi seguenti.

St. John Bosco image

Rappresentazione di Don Bosco
Fonte: Aleteia > https://cutt.ly/r0QbT1Q

Vita e sogni di Don Bosco

Nato il 16 agosto 1815 a Becchi (Italia), San Giovanni Bosco, il cui nome completo era Giovanni Melchiorre Bosco, è un famoso santo cattolico della cristianità che ha dedicato tutta la sua vita ai bambini bisognosi. Nacque in un ambiente molto povero e austero: la sua nascita avvenne subito dopo la fine delle guerre napoleoniche che devastarono la sua zona; inoltre, in quel periodo vi furono anche siccità e carestia. All'età di due anni, John ha perso il padre, lasciando lui e i suoi due fratelli maggiori ad essere cresciuti dalla madre, Margherita, dichiarata venerabile dalla Chiesa nel 2006.

Fin da bambino frequentò la chiesa e divenne molto devoto. Anche se la sua famiglia era molto povera, lui e sua madre trovavano sempre abbastanza da condividere con i senzatetto che a volte si presentavano alla porta di casa in cerca di cibo, riparo o vestiti.
All'età di 9 anni, ebbe il primo di molti sogni che avrebbero poi influenzato tutta la sua vita: sognò una moltitudine di ragazzi che imprecavano mentre giocavano. Tra loro c’erano un uomo e una donna, grandi e maestosi, che gli dissero che nella mansuetudine e nella carità avrebbe “vinto quei suoi amici”. Allo stesso tempo, la signora disse: “Sii forte e umile. Quando verrà il momento, capirai tutto”. Questo sogno in particolare influenzò Giovanni per il resto della sua vita.

La chiamata di Don Bosco

Poco dopo, assistette a una compagnia itinerante di artisti circensi e pensò che se avesse imparato i loro trucchi, avrebbe potuto usarli per attirare gli altri. Studiò i loro trucchi e imparò a eseguirne alcuni lui stesso. Questo è il motivo per cui è considerato anche il santo patrono dei Maghi. Un giorno mise in scena uno spettacolo per i bambini con cui era solito giocare e alla fine dello spettacolo recitò l'omelia che aveva ascoltato poco prima, invitando i vicini a pregare con lui. Poco dopo, Giovanni percepì la chiamata a diventare sacerdote. Poiché essere prete richiedeva un'alta istruzione, trovò un prete disposto a fornirgli degli insegnamenti e alcuni libri. Il fratello maggiore, invece, si arrabbiò per questo e lo frustò, dicendo “è un contadino come noi!”. Per questo, appena poté, se ne andò di casa per cercare lavoro come bracciante agricolo. Aveva solo 12 anni quando partì, una decisione affrettata dall'ostilità del fratello che lo riteneva un “traditore”.

La missione di Giovanni Bosco

Nel 1835, Giovanni Bosco entrò in seminario e per sei anni si preparò ad essere prete, che divenne nel 1841. La sua prima missione fu a Torino, città in preda all'industrializzazione, con bassifondi e povertà diffusa. In questa occasione era conosciuto come “Don Bosco” e lavorava con i figli dei poveri. Durante la visita al carcere, Don Bosco notò un gran numero di ragazzi, tra i 12 ei 18 anni, le cui condizioni erano deplorevoli. Capì che voleva fare di più per loro!
Per questo andò per le strade di Torino e iniziò a incontrare giovani e ragazzi dove lavoravano e giocavano. Usò i trucchi che aveva imparato da bambino per catturare l'attenzione e condivideva con i bambini il suo messaggio della giornata.

Father Bosco with the youth

Rappresentazione di Padre Don Bosco

Don Bosco e i giovani

Essendo abituato a passare molto del suo tempo con i bambini, conosceva davvero bene le loro necessità: lavorava infatti instancabilmente cercando lavoro per i ragazzi che ne avevano bisogno. Ma non era da solo!
Sua madre Margherita lo raggiunse per aiutarlo nella sua missione. Da quel momento fu conosciuta come "Mamma Margherita" e negli anni '60 dell'Ottocento Don Bosco e sua madre si occuparono dell'alloggio di 800 ragazzi.
Un'altra missione di Don Bosco era la sua trattativa per i diritti dei lavoratori: un problema comune era l'abuso degli apprendisti, con i loro datori di lavoro che li utilizzavano per svolgere lavori manuali e lavori umili estranei al loro apprendistato. Per questo motivo è considerato anche il patrono degli apprendisti.
Ha persino identificato i ragazzi che pensava sarebbero stati buoni sacerdoti e li ha incoraggiati a considerare una vocazione al sacerdozio e poi ha preparato quelli che hanno risposto favorevolmente nel loro cammino verso l'ordinazione.

Church of St. John Bosco in Rome, ItalyChiesa di Don Bosco, Roma (Italia)
Fonte: Agenzia Info Salesiana > https://cutt.ly/s0Qnsma

L'organizzazione di Don Bosco

Nel 1859, Giovanni Bosco fondò la Società di San Francesco di Sales, con un unico scopo: continuare la sua opera caritativa, aiutare i ragazzi nella formazione della fede e a restare fuori dai guai. Questa organizzazione esiste ancora oggi e continua ad aiutare le persone, in particolare i bambini di tutto il mondo.
Don Bosco morì il 31 gennaio 1888, che fu stabilito come suo giorno di festa. Fu poi canonizzato il giorno di Pasqua del 1934 e gli fu conferito il titolo di “Padre e Maestro della Gioventù”.

Se sei devoto di San Giovanni Bosco o la sua figura è stata significativa nella tua vita, potrebbe interessarti questa statuetta in resina, completamente dipinta a mano dai nostri artigiani.

Statua di Don Bosco in resina dipinta a mano

ACQUISTA ORA>

 


 

Articoli correlati:
Una preghiera per i bambini malati a Santa Chiara d’Assisi→
Come avvicinare un adolescente alla fede→
Preghiera per i nipoti: come proteggerli con la fede→

 

Articolo precedente
Articolo successiva