San Giuda Taddeo: storia e Novena dedicata al Santo protettore dei casi impossibili

Pregando i Santi preghiamo coloro che possono intercedere per nostro conto con Dio. Secondo le loro storie, ogni Santo ha un potere specifico, o, se vogliamo, una propria abilità. Ma chi è il Santo Patrono delle cause impossibili? A quale Santo ci rivolgiamo quando un problema sembra essere insormontabile o una situazione disperata?

La storia di San Giuda Taddeo

Purtroppo non abbiamo molte notizie della vita di San Giuda, sebbene sia molto conosciuto in quanto Protettore delle cause impossibili insieme a Santa Rita da Cascia. Conosciuto anche come Giuda Taddeo, San Giuda fu uno dei dodici apostoli di Gesù. Predicò il Vangelo con passione e devozione, spesso in circostanze molto difficili. Secondo la tradizione, fu martirizzato per la sua fede mentre predicava in Armenia, all'epoca appartente all'area persiana. 
A lui è attribuita la scrittura della "Lettera di Giuda" nel Nuovo Testamento: è considerato il Santo Patrono delle cause impossibili perché, nelle sue scritture, esorta i cristiani a perseverare nei momenti difficili. Nel corso dei secoli la Chiesa ha incoraggiato i fedeli a venerare questo apostolo, sostenendo che coloro che si fossero rivolti a lui nel momento del bisogno avrebbero ricevuto grazie, risposte e conforto.

Iconografia di San Giuda Taddeo: la lancia e la fiamma

San Giuda viene comunemente raffigurato impugnando l'ascia o la lancia, simbolo del suo martirio. Tuttavia, è nota anche l'iconografia che lo vede rappresentato con una fiamma attorno alla testa. La fiamma simboleggia la presenza di San Giuda nella Pentecoste, quando ha ricevuto lo Spirito Santo con gli altri apostoli. Ed ancora un altra simbologia comune è quella di San Giuda con un'immagine di Gesù Cristo, conosciuta come l'immagine di Edessa.

Preghiera a San Giuda Taddeo

La festa di San Giuda Taddeo viene celebrata il 28 ottobre ed è di solito preceduta dalla cosiddetta "Novena a San Giuda Taddeo", in cui per nove giorni si recita una preghiera a lui dedicata. Si dice che chiunque la reciti con fede riceverà grandi grazie per situazioni che sembrano essere senza speranza.

"Quando ci troviamo a non avere più speranza,
quando prendono il sopravvento le difficoltà della vita,
quando ci sembra impossibile una salvezza dal dolore, dalla prova, dal peccato,
e ci sentiamo lontani da Te.
Per la preghiera confidente, pura e potente del tuo Apostolo Giuda Taddeo,
“uomo dal grande cuore”, ci affidiamo a Te, Signore, vero uomo e vero Dio.
Custodisci la nostra vita, la nostra vocazione cristiana, la nostra capacità di sperare, di credere e di amare.

Amen".