Capire il dogma dell’Assunzione di Maria

Il 15 agosto la Chiesa Cattolica e tutta la comunità cristiana celebra la Festa dell’Assunzione della Vergine. Riscopri con noi il significato di questa solennità.

Sapevi che al mondo non esiste un solo santuario che contenga le spoglie della Madonna? Questo perché non è mai morta.

Infatti, il termine “morire” non è esatto per riferirsi al modo in cui la Vergine lasciò questa terra, che nella dottrina cristiana viene spiegato con un dogma. Alcuni teologi, tra cui diversi Papi, fanno risalire il dogma dell’Assunzione di Maria Santissima addirittura all’Antico Testamento, anche se la definizione ufficiale è arrivata soltanto nel 1950 con la Bolla Munificentissimus Deus di Pio XII. Il fatto di essere un dogma gli attribuisce la condizione di verità assoluta, che quindi non può essere soggetta a dubbi o reinterpretazioni. Vediamo cosa ci dice la Bolla a questo proposito:

In tal modo l'augusta Madre di Dio, arcanamente unita a Gesù Cristo fin da tutta l'eternità «con uno stesso decreto»(31) di predestinazione, immacolata nella sua concezione, Vergine illibata nella sua divina maternità, generosa Socia del divino Redentore, che ha riportato un pieno trionfo sul peccato e sulle sue conseguenze, alla fine, come supremo coronamento dei suoi privilegi, ottenne di essere preservata dalla corruzione del sepolcro, e, vinta la morte, come già il suo Figlio, di essere innalzata in anima e corpo alla gloria del cielo, dove risplende Regina alla destra del Figlio suo, Re immortale dei secoli (cf. 1 Tm 1, 17).

Prima abbiamo detto che Maria non è “morta” in senso stretto del termine. Il fulcro del dogma correlato risiede infatti nel fatto che, essendo priva del peccato originale, Maria fu “assunta” in cielo a seguito della sua Dormizione.

In ultima analisi, l'Assunzione di Maria ci fa capire che la terra non era la sua destinazione, così come non è la nostra. 

ASSUNZIONE DI MARIA STATUA >

Leggi anche:

Festa dell'Assunzione di Maria al Cielo: 3 luoghi dove festeggiare in Italia →